Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2017

29 settembre

“Anche in Italia la sinistra ha esaurito la capacità di dare risposte ai problemi e la gente se ne accorta”. Sentirlo dire ancora da Berlusconi, al suo 81esimo compleanno, fa un po’ impressione. “Noi soli (con me alla testa) argine ai populismi” fa quasi ridere.
Ma fa anche impressione che contemporaneamente festeggi il suo (66esimo) compleanno un Bersani capace di commentare il voto contrario della senatrice Gatti (Articolo 1-MdP) sull’aggiornamento del DEF con un “siamo gente di governo”. Per fugare il dubbio che il suo partito possa mai votare contro il governo Gentiloni-Alfano: “però ci devono ascoltare”, ha anche aggiunto. Chiedere è lecito, rispondere è cortesia. L’importante è che noi non si sia “sinistra d’opposizione”: siccome all’opposizione si va se si perde, essere sinistra di opposizione significa essere sinistra perdente. Chiaro, no? L’importante è essere lì, dove si governa il Paese. Come? La domanda non è contemplata, c’è un solo modo, la contesa è sul chi. Quella è la …

Primarie a sinistra? Parliamone, ma senza equivoci

Nei lavori in corso per tentare di ricostruire una sinistra in Italia, il tema delle primarie, o comunque di un metodo democratico di scelta dei candidati e della leadership, ha un posto importante. Il nodo cruciale è a chi, a quale “demos”, spetta il potere (“kratos”) di scegliere.

La risposta che fin qui ha prevalso è che quel potere spetta ai partiti, ai loro associati, in ossequio alla Costituzione dove sta scritto (articolo 49) che i cittadini si associano in partiti per determinare con metodo democratico la politica nazionale. L’essere iscritti ai partiti non è però una condizione né necessaria né sufficiente. Secondo la stessa Carta, se la leggiamo integralmente, i cittadini hanno il diritto di associarsi liberamente (non un dovere né una condizione necessaria) per concorrere a determinare la politica. In più, il metodo democratico deve essere assicurato dai partiti, ma non è detto che lo sia, come dimostrano i ripetuti interventi della giurisdizione a sindacarne l’operato (dest…

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione