Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2017

Quale sarà il profilo del leader della sinistra

È inutile, non si sfugge. Una domanda tormenta inesorabilmente chiunque osi professarsi di sinistra: “come potete aspirare a pesare elettoralmente senza un leader?”. È però possibile sfuggire alla successiva, immancabile domanda (“e chi avresti in mente come leader della sinistra?”) se alla prima si risponde: “Invece si può. Perché l'idea che per pesare elettoralmente ci sia bisogno di trovare un leader è sbagliata. Anzi, dannosa”
Il problema della sinistra, ormai dovrebbe essere chiaro, è la mancanza non di una leadership ma di un'identità. O, più precisamente, la mancanza di coraggio, di fiducia in se stessi, nei propri ideali e nelle proprie convinzioni. Che nelle persone con ruoli politici si presenta sotto forma di stanchezza e ritualità, insieme a una scarsa fiducia nella disponibilità, e negli umori, degli elettori che aspirerebbero a rappresentare. Mentre nei cittadini politicamente consapevoli e socialmente attivi ma senza appartenenza di partito, si presenta, a specch…

La crisi delle due sinistre nella lettura di Bruno Trentin

I diari di Bruno Trentin sugli anni in cui è stato segretario generale della CGIL (1989-1994) illuminano il passaggio cruciale della nostra storia recente con un'analisi che conserva ancora oggi una grande attualità.
Sul numero 9 della rivista online "Nuova Etica Pubblica" (al link http://www.eticapa.it/eticapa/la-rivista-dellassociazione-nuova-etica-pubblica-n-9-del-luglio-2017/ ) è ospitato un mio contributo di riflessione a partire da alcuni dei tanti spunti offerti dalla loro lettura (pagg. 214-220). Ne fornisco qui due estratti sui temi che sono più spesso oggetto di questo blog. 

Un tema di grande importanza, al cuore delle riflessioni di Trentin è la crisi delle due sinistre, quella comunista e quella socialdemocratica occidentale, e la rifondazione concettuale del lavoro nella società odierna. Il primo tema si può riassumere in una domanda che a tutt’oggi non ha ancora trovato una risposta convincente e condivisa: come mai il crollo del sistema sovietico non ha la…

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione