Passa ai contenuti principali

Cosa ci dicono le primarie del PD

Renzi ha vinto le primarie, come previsto. Con una percentuale di poco superiore a quella registrata tra gli iscritti (70% anziché 67%), a differenza del 2013 quando nelle primarie aperte aveva raccolto una percentuale pari a una volta e mezzo quella raccolta tra gli iscritti (il 68% contro il 45%).
Non c'è stato un crollo della partecipazione nella misura che molti nel PD mostravano di temere ma la riduzione di oltre un terzo è un segnale piuttosto chiaro. I sondaggi che misurano le intenzioni di voto per il PD attorno al 30% (sia pure in un trend discendente) sono sballati, a meno di non immaginare un crollo della partecipazione alle politiche sotto il 50%.
Il lettore può farsi un'idea da solo con la tabella pubblicata di seguito.


Ad ogni buon conto, nella seconda tabella qui di seguito si presentano alcune proiezioni: che sono sempre più attendibili dei sondaggi in quanto basate su un comportamento reale delle persone (quelle che sono andate a votare ai gazebo).


Assumendo che si ripeta l'andamento passato quanto al rapporto tra votanti alle primarie, voti per il vincitore e voti “veri” alle elezioni, ci si dovrebbe aspettare un consenso elettorale per il PD attorno ai 6 milioni di voti. Solo ipotizzando che si possa verificare di nuovo un exploit come quello delle Europee, rispetto ai voti presi da Renzi alle primarie, il PD potrebbe raggiungere i 7-7,5 milioni.
Che cosa significa in termini percentuali? Un consenso di poco inferiore al 20% immaginando un'affluenza in calo secondo il trend dell'ultimo decennio e quindi attorno al 67% (23-24% nell'ipotesi di fare il bis delle Europee).
Quanto al 30%, diventerebbe realistico solo ipotizzando un'astensione superiore al 50%i. Un'ipotesi che qualunque democratico (a maggior ragione se con la maiuscola) dovrebbe temere come un incubo.


I toni, nonostante ciò, sono trionfali. Quanto a Renzi, ci siamo un po' tutti abituati, ma il fatto che il suo ringraziamento più caloroso e più enfatico, da Homepage del sito ufficiale del PD, lo abbia dedicato a Macron merita un'attenzione particolare (nel prossimo post). Alquanto stupefacente è invece la soddisfazione che manifestano i suoi competitor.
Certo, spetta loro lo stesso spazio che si erano conquistati Cuperlo e Civati. Nell'assemblea nazionale, però: nel Paese il discorso è tutto un altro.
Nonostante la consideri, personalmente, una scelta poco intelligente, non credo di poter escludere che si siano recati ai gazebo, per votare i due “anti-Renzi”, anche cittadini che stavolta non si sogneranno di dare il voto al Partito di Renzi. In aggiunta, c'è da considerare che, pur avendo perso un terzo dei suoi voti (da 1,8 a 1,2 milioni), il segretario di ritorno mantiene una presa sul partito superiore al passato. Come possono pensare, due navigati politici, alla guida di un'importante Regione e di un Ministero “di prima fascia” (Cencelli alla mano), che gli elettori si accontentino di qualche presa di posizione in una campagna interna al partito senza domandarsi con quale atto concreto si sforzeranno di dare seguito a quelle enunciazioni nella futura dinamica politica? E se gli elettori se lo domanderanno, da qui alla prossima primavera, quali risposte riceveranno che li possano convincere ad affidarsi a loro nella competizione elettorale? E, in fin dei conti, saranno anche solo in grado di trovarli (a parte i leader, i loro seguaci, per così dire) nelle liste dei candidati?


Eppure le primarie del PD sono venute a cadere nel bel mezzo dei due turni per l'elezione del Presidente della Repubblica in Francia. Un avvenimento da cui i tre leader del Partito Democratico avrebbero dovuto trarre qualche lezione, che sembrano invece aver trascurato. Rischiando di vedersi bocciare, anche per questa imperdonabile distrazione, all'esame di Storia (futura).
Sarà il caso di tornarci, in particolare per due lezioni su cui la Francia mi sembra ci inviti a meditare molto seriamente.



NOTE

i In realtà, è questo il quadro su cui si basano i sondaggi, anche se rilevano un tasso di astensioni attorno al 30-33%, per effetto dell'alta percentuale di non risposte ai sondaggi. Non potendo attribuire quei voti, si ipotizza che si ripartiscano come le risposte. Poiché invece non è così, l'effetto è analogo a quello di sopravvalutare le astensioni. Per questo le proiezioni su dati reali assoluti (quelli dei votanti alle primarie) sono molto più attendibili.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…

Le mani del governo sull'Istat?

Che l'economia italiana sta andando male, in questi giorni è stato detto e ripetuto, non solo sulla stampa ma in alti consessi internazionali, dal lago di Como alla Cina. Si sapeva dal 12 agosto, ma si aspettava una conferma, per l'uso invalso all'ISTAT di rilasciare i dati della contabilità prima in via provvisoria e poi in via (semi-)definitiva. Raramente i due dati divergono sensibilmente ma il premier in crisi di consenso era stato confortato da voci insistenti (provenienti dal Ministero dell'Economia) di una revisione al rialzo del dato provvisorio: l'andamento dei servizi avrebbe aggiunto un preziosissimo decimo di punto facendo apparire il magico segno + nel dato definitivo. La revisione (al rialzo) c'è stata ma non è bastata a far apparire il segno +. Costernazione. E insinuazioni: ISTAT covo di gufi?
Torna lo spettro della stagnazione Da un punto di vista tecnico non mi sembra ci sia molto da aggiungere a quello che hanno detto i tanti inorriditi per …