Passa ai contenuti principali

Tagliando di primavera per governo e PD: altri passi verso destra.

È il momento di fare un tagliando al governo e al PD alla luce delle ultime mosse di Matteo Renzi.

Il calo di popolarità è evidente non solo dai sondaggi ma anche dai numeri “veri”. L'ultimo test elettorale, il referendum No-Triv, è stato presentato dall'apparato della comunicazione di Palazzo Chigi come una vittoria. Invece, ha certificato che, al netto dell'astensionismo consolidato, tra gli elettori mediamente attivi negli ultimi 3 anni la posizione del governo (come somma dei NO e delle astensioni anti-SI) è risultata minoritaria ed è sostenuta da un numero di elettori in calo progressivo.

Risultati immagini per no-triv

Possiamo perciò porci la domanda se questo trend discendente abbia indotto qualche cambio di strategia e di quale natura.
È una domanda che lo “stile di governo” renziano non ammette, non potendo la sua narrazione contemplare il passo indietro o il ripensamento, ma segnali di riposizionamento negli ultimi tempi ne sono arrivati. Sul fronte europeo: eurobond, sia pure “di scopo” per i migranti; dichiarazioni a favore dell'unità politica. Nei rapporti con la magistratura: patto anti-corruzione; allungamento della prescrizione. Aperture a sinistra? Tentativi di recupero in quella direzione, offerte di pacificazione?

Non sono mancate letture in questa chiave, sfociate in manifestazioni di benevolenza fin troppo generose, ma anche sorprendentemente ingenue. Queste mosse hanno in realtà una spiegazione banale: Renzi si era spinto troppo oltre, fino a rischiare l'osso del collo.

Risultati immagini per conferenza stampa renzi merkel 5 maggio 2016
Sul fronte europeo, l'isolamento aveva decisamente superato il livello di guardia e il nostro era ormai tacciato di contiguità con lo schieramento nazionalista-populista: una deriva che l'Italia è, tra tutti i paesi europei, quello meno in condizione di cavalcare, nello stato in cui si trova; quello che di una disintegrazione dell'Europa pagherebbe il prezzo maggiore. Qualche correzione, almeno esteriore, si imponeva.
Quanto alla magistratura, dopo le sparate anti-giudici (lavorano poco, parlano troppo di politica), la sfida aperta (l'“arrivate a sentenza!” sparato a reti unificate) si è dimostrata assai avventata: le sentenze, invocate, non hanno tardato ad arrivare, al ritmo di una al giorno (dapprima, di rinvio a giudizio: forse a Renzi era sfuggito il particolare che sono sentenze di un giudice anche quelle; ma poi con Soru si è alzato il livello). È perciò dovuto correre ai ripari cambiando rapidamente musica.

Risultati immagini per davigo gruber

Ma è cambiata, oltre alla musica, anche la strategia? No, è vero il contrario. Piuttosto, come è sempre accaduto dal momento della “presa del potere”, la risposta alle difficoltà è consistita nell'alzare la posta e nel calcare ancor più la mano sulle scelte di fondo che sono la cifra distintiva della politica renziana. Sfondamento al centro, ponti bruciati a sinistra, cambiamento radicale della base di consenso elettorale (la constituency).
Il Partito della Nazione è più che mai il progetto, la stella polare. Dalla riforma costituzionale alla politica economica, dalla politica energetica e ambientale ai diritti delle persone, dalle politiche sociali alla politica dell'informazione, della cultura, delle comunicazioni fino al sistema educativo e alla ricerca, non c'è un solo ambito in cui affiori un qualche ripensamento, un'attenzione inedita verso le istanze che salgono dai settori della società che la crisi spinge ai margini, quelli a cui vengono ristretti gli spazi vitali, conculcati i diritti, espropriate le quote di possesso dei beni comuni a favore della appropriazione privata. Non un solo segnale di inversione di tendenza nella progressiva accentuazione delle disuguaglianze, nella disarticolazione di ogni forma di aggregazione sociale che non sia contrassegnata da sottomissione. La novità, se c'è, sta semmai nell'intensità, nella concentrazione degli sforzi.

La riforma costituzionale, per dire, è assunta come la madre di tutte le battaglie. Significa che i “moderati” non sono più solo chiamati a votare ma a mobilitarsi: 10.000 comitati, andare porta a porta. Stando attenti a non bussare alle porte sbagliate, a quei milioni di porte dietro cui ci sono quelli che non devono avere voce in capitolo: quelli che dicono sempre NO, che non sono contenti della loro condizione e devono perciò essere spinti a rinunciare all'esercizio dei diritti civili e politici, a rassegnarsi.

Risultati immagini per campagna Renzi per referendum confermativo
Le scelte (annunciate) di politica economica hanno un segno, se possibile, perfino più chiaro. Il Paese si avvita sempre più nella crisi, il tessuto che tiene in piedi il paese con le esportazioni e l'internazionalizzazione si sente ormai parte di un sistema “apolide” e non si cura più dell'Italia. Non importa, non sono problemi miei, dice il governo, tanto il sistema bancario e finanziario (Tesoro compreso, anzi, in prima linea) ha intascato i dividendi, straordinari e immeritati, delle mosse di Draghi, del “whatever it takes”.
A chi ha bisogno di risorse per allontanare lo spettro della povertà e della privazione materiale, non sono state lasciate nemmeno le briciole. A chi ha idee per rinascere, per innovare, per creare dal nulla e ha bisogno delle risorse per fare i primi passi si offre come sola prospettiva l'espatrio. La politica guarda altrove.
Dopo gli 80€, dopo il bonus 8.000€ in tre anni (con licenziamento libero in gentile omaggio), dopo l'abolizione delle tasse sugli immobili di pregio, cosa può esserci di meglio di un ritorno di fiamma della proposta di abbassare le tasse ai ricchi, magari riesumando la flat tax? L'importante è continuare a usare la quota del dividendo-Draghi finita nelle casse dello Stato per comprare i voti dei “moderati”.

Risultati immagini per meno tasse per tutti

Può sembrare incredibile, visto che abbiamo un sistema di aliquote già molto schiacciato, figlio delle idee reaganiane e thatcheriane degli anni Ottanta. Andrebbe rimodulato e razionalizzato per far pagare davvero in proporzione crescente al crescere dei redditi (tanto più che viviamo una fase in cui solo chi ha di più riesce a stare ancora meglio). Nossignore: si lancia l'idea di abbassare le tasse riducendo le aliquote centrali, in modo che si riducano nella stessa misura anche ai ricchi. Sì, perché una riduzione così concepita abbassa le tasse a tutti quelli che stanno al di sopra di quelle aliquote (anche di molto). E solo a loro: per chi sta più in basso niente. Anzi! Si poteva almeno finanziare questo regalo al ceto medio alzando le aliquote più alte. Neanche per idea, le aliquote più alte semmai si aboliscono passando da 5 a 2, per far pagare ancora meno a chi guadagna di più. E si lascia trapelare che potrebbero essere finanziate aumentando l'IVA sui consumi come sta già scritto nelle clausole di salvaguardia; e (chissà?) magari togliendo qualche agevolazione (spese mediche? spese per non autosufficienti o per figli minori? spese per risparmio energetico?). Altrimenti si può sempre provare il colpaccio, grazie al rientro tra i “bravi ragazzi” dell'Europa liberista: lo sfondamento del rapporto deficit-pil. Tanto, basta inserire qualche nuova clausola di salvaguardia...

Nessun ripensamento dunque. Con buona pace del sotto-partito del NI e dei penultimatum, pronto a scatenarsi (fra due anni) in una battaglia congressuale all'ultimo sangue per un partito che nel frattempo non esiste più. Anche stavolta l'obiettivo è fissato “oltre”, un po' più in là del prossimo. Che intanto Renzi ha individuato nel referendum confermativo.
C'è però di mezzo un test, di qui a poche settimane, quello delle amministrative. Le quattro maggiori città italiane (oltre a qualche centro minore del genere di Bologna e Cagliari) sono chiamate al voto. Il quadro non promette niente di buono per il PD e quindi si mette la sordina e si parla di altro, riforma costituzionale, legge di stabilità 2017.
Qualche risultato è stato comunque acquisito, sulla strada del Partito della Nazione, senza troppo clamore. La stagione arancione è stata archiviata nella città simbolo, a Milano, dove la cittadinanza è pregata di scegliere tra i general manager delle amministrazioni di destra. E si è registrata la scomparsa dall'orizzonte politico amministrativo delle grandi metropoli della Ditta (o sotto-partito del NI). Se a Torino avevano precorso i tempi, come laboratorio della conversione al renzismo degli ex comunisti, a Napoli sono arrivati all'autodafé. A Roma hanno scelto la clandestinità (quelli ancora a piede libero) e a Milano hanno preso atto di essere diventati del tutto irrilevanti.

Risultati immagini per Sala e Parisi

Potrà bastare? In un'ottica di Partito della Nazione dovrebbe senz'altro bastare. Per le notizie scomode (il rischio di perdere dappertutto, Torino compresa, o il fatto che a Roma i sondaggi vedono il candidato del PD accreditato del quarto posto) si prova a derubricarle come “non-notizie” visto che i sondaggi non ci azzeccano mai. Ma i numeri “veri” parleranno chiaro.
Certo, sappiamo che i numeri che interessano al Partito della Nazione sono sempre meno quelli dei voti e sempre più quelli dei votanti, che è preferibile che diminuiscano: meglio che la protesta si chiuda in casa, o in un vicolo cieco.
C'è solo un'opposizione in campo che disturba il sonno e minaccia la credibilità del racconto. È la dura e tenace opposizione della realtà dei fatti, che non si lasciano piegare alle favole del renzismo.

È un'opposizione che non si conta nelle urne. Fa capolino qua e là nelle piazze ma non le riempie come una volta. Si moltiplicano però i laboratori dove facce e menti giovani osservano la realtà dei fatti e sperimentano nuovi modi di affrontarli con l'idea di cambiarli. Devono crescere, hanno bisogno di tempo per ritrovarsi e per moltiplicarsi. Ma di questo vale la pena di parlarne a parte.   

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

Uscire da un dibattito politico desolante

Il dibattito provocato da Renzi con le anticipazioni del suo libro è di un livello penoso. Al peggio non c’è mai fine. La cultura politica del partito nato con la pretesa di diventare il riferimento di tutta la sinistra (questo il senso della “vocazione maggioritaria”) si è degradata oltre l’immaginabile. L’operazione studiata attraverso il libro è meschina. Non solo per l’astuzia (malcelata) di provare a prendere due piccioni con una fava (sfondare a destra e insieme ricattare gli aspiranti alleati sul lato sinistro) ma per l’obiettivo in sé: ancora un attimo di notorietà per spostare in avanti l’epilogo, che sente inesorabile. E dalle anticipazioni si capisce che l’operazione di plagio degli argomenti della destra è anche un gesto di sfregio per valori e storia della sinistra. Buon per lui. Della responsabilità che porta, di rappresentare ancora uno dei due maggiori partiti, neanche una pallida reminiscenza. Dimostra solo di sentirsi padrone di un gruppo dirigente concentrato ossessi…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…