Passa ai contenuti principali

I numeri del referendum e il futuro del PD

Dopo il voto sulle trivelle alcune considerazioni si impongono, partendo dai numeri.
Se la riforma del referendum fosse già in vigore il quorum sarebbe stato raggiunto. Se poi anziché prendere a riferimento la partecipazione alle ultime elezioni politiche (come prevede la riforma) si fosse considerata l'astensione media delle tornate elettorali degli ultimi due anni, i SI avrebbero vinto anche contro la somma dei NO e degli astenuti. Ovvero, all'interno della popolazione che si reca (ancora) alle urne i contrari al prolungamento delle concessioni per le trivelle entro le 5 miglia sono la MAGGIORANZA. Di questo dato, e dell'alterazione che produce l'attuale modo di calcolare il quorum, parlava Bobbio. Con buona pace dell'interpretazione del dovere civico del voto (previsto in Costituzione) così come espressa, dopo Craxi, anche da Napolitano e Renzi. Il quale ultimo, segretario di un partito che si chiama Democratico, gioisce e trae auspici favorevoli per il referendum confermativo. Che però non richiede alcun quorum. Contento lui...

Una seconda considerazione, tutta politica, si impone. Riguarda lo stato della sinistra e la natura del PD.
Mi appaiono sempre più sconcertanti le posizioni di quegli elettori del PD che, anche in questa occasione, rivendicano con orgoglio di essere di sinistra, di aver votato SI e... di essere ancora in tanti dentro il PD. Il loro grande sogno è di tornare ad essere maggioranza e di riportare così quel partito a perseguire politiche di sinistra.
Quegli elettori erano, appena due anni e mezzo fa, una metà risicata tra gli iscritti, prima che Civati e esponenti di un certo peso della mozione Cuperlo abbandonassero definitivamente il partito. E non arrivavano a raccogliere, fra tutt'e due le mozioni, un terzo dei voti alle primarie.
Quanto a fare politiche di sinistra, erano restati tenacemente attaccati al loden di Monti durante la gestione (ampiamente maggioritaria) di Bersani; avevano poi concepito le larghe intese e sostenuto il governo Letta con la gestione Epifani e si erano infine caratterizzati nelle primarie come sostenitori “di legislatura” di quel governo, che Renzi stesso vedeva “a tempo”, mentre Civati portava solidissime argomentazioni a favore di un ritorno alle urne.

Ora, il ragionamento in termini numerico-politici è semplice, e secco. A che livello di consenso elettorale deve scendere il PD perché sia credibile che quell'area torni maggioranza nel partito? Perché tra le due eventualità, è di gran lunga più probabile che la destra moderata perda la fiducia in Renzi piuttosto che il popolo di sinistra ritorni nell'alveo del PD. Neanche il parcheggio, che fino a qualche tempo fa veniva offerto da SEL, esercita più una qualche attrattiva. Il popolo che aspettava risposte dalla sinistra, quello che ne avrebbe ancora bisogno e ragione, è andato altrove e la migrazione è sotto gli occhi di tutti. A non voler prendere atto della realtà rimangono, soli, quei compagni, commoventi e irriducibili, che vengono estromessi dalle sezioni, che vengono costretti a comportarsi da utili idioti nelle istituzioni, per esser poi svillaneggiati e sbeffeggiati come contraccambio. Ciaone, si sentono dire dai campioni di protervia. Mentre è proprio a loro che gli italiani stanno dando il benservito. Eppure restano a pie' fermo, come la Benemerita, usi a obbedir (mugugnando se non tacendo). Quousque tandem? Fino a quando resteranno irretiti in questo fermo immagine, mentre il film è andato oltre, non di qualche anno ma di un'era (politica)?   

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…

Le mani del governo sull'Istat?

Che l'economia italiana sta andando male, in questi giorni è stato detto e ripetuto, non solo sulla stampa ma in alti consessi internazionali, dal lago di Como alla Cina. Si sapeva dal 12 agosto, ma si aspettava una conferma, per l'uso invalso all'ISTAT di rilasciare i dati della contabilità prima in via provvisoria e poi in via (semi-)definitiva. Raramente i due dati divergono sensibilmente ma il premier in crisi di consenso era stato confortato da voci insistenti (provenienti dal Ministero dell'Economia) di una revisione al rialzo del dato provvisorio: l'andamento dei servizi avrebbe aggiunto un preziosissimo decimo di punto facendo apparire il magico segno + nel dato definitivo. La revisione (al rialzo) c'è stata ma non è bastata a far apparire il segno +. Costernazione. E insinuazioni: ISTAT covo di gufi?
Torna lo spettro della stagnazione Da un punto di vista tecnico non mi sembra ci sia molto da aggiungere a quello che hanno detto i tanti inorriditi per …