Passa ai contenuti principali

A proposito di voto utile

C'è un vistoso cortocircuito logico nell'argomento del voto utile usato dai renzianissimi del PD. Che sono quelli tra i suoi sostenitori che non accettano critiche all'operato del premier in nome dell'argomento che taglia corto: ”lui ci ha fatto vincere”.
La trappola logica che sta nascosta dietro questo ritornello è che, se è il loro segretario (solo) perché vince, lo è pertanto (solo) finché vince
Vincere, in questa visione del mondo, è un valore in sé. Se si vince perché resta a casa oltre il 60% degli elettori non importa: “meglio perdere votanti che voti”. E se si vince prosciugando il centro e strappando voti alla destra, attraverso politiche di destra per dimostrare di poter arrivare dove i loro governi si erano dovuti fermare, nel timore che un ampio consenso si riversasse sulla sinistra, basta fare spallucce. I contrasti non sono tra destra e sinistra (antinomia novecentesca, superata) ma tra vecchio e nuovo: con la sinistra, va da sé, immancabilmente nel campo del vecchio.


A chi coltiva ancora il mito democratico, della partecipazione consapevole e della scelta dei rappresentanti basata su un consenso informato, non resta allora altra scelta che far perdere “il premier che fa vincere” (e il suo partito), puntando proprio a strappare votanti dall'area dell'astensione, del disincanto, dell'indifferenza e a riconquistare la fiducia e il consenso degli elettori di sinistra, per battere il premier che vorrebbe seppellire la lotta politica tra destra e sinistra, come è da sempre nei sogni della destra.
È questo che è successo in Liguria. Molte persone si sono convinte ad andare a votare perché hanno visto in Pastorino un'alternativa credibile. È mancato poco che si tornasse alle urne (bastava non sbagliare di una unità il conto delle firme per Pastorino a Savona e Toti non avrebbe avuto la maggioranza). Ma non c'è un solo cittadino ligure che osi sostenere che la politica regionale avrebbe avuto un segno diverso con Paita presidente al posto di Toti. Sarebbero solo cambiate (in parte) le persone destinate a gestire il rapporto tra il mondo della politica e quello degli affari.
Ma un dato è incontestabile, per tornare all'assunto iniziale: in Liguria il premier “che fa vincere” e che ha ostinatamente imposto la candidata a dispetto di brogli, violazioni statutarie e amicizie pericolose, ha perso.
Per il resto, ci si deve intendere sul significato di vincere, perché la costante è stata, in ogni contesto, una rilevante perdita di voti in cifra assoluta. Con la sola eccezione delle europee: una vittoria costata dieci miliardi alle casse pubbliche, riversati su un preciso target elettorale senza alcuna logica economica, né di equità né di efficacia, come ha poi dimostrato l'assenza di effetti economici ovvero sociali.
Davvero Renzi è "quello che ci fa vincere"?


Nonostante gli appelli dei renzianissimi, gli elettori hanno sempre più chiara coscienza di quale sia il voto davvero utile. In fin dei conti si tratta di una verità elementare: per salvare le basi della democrazia dalla morsa del decisionismo e della disintermediazione e per rilanciare i valori dell'eguaglianza e della solidarietà che distinguono la sinistra, il solo voto davvero utile è quello che serve a rilanciare quei valori fondamentali per la nostra convivenza civile e per il benessere diffuso. Quello a sinistra, contro il PD e oltre il PD. In tutte le grandi città d'Italia, senza perdere di vista i centri minori.

Commenti

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione

Post popolari in questo blog

4 dicembre 2016. Fine di una storia

Il 4 dicembre, indipendentemente da quale sarà il risultato del referendum, si chiude una storia. Quella del Partito Democratico. Non ha compiuto dieci anni. Nei primi sei anni di vita ha cambiato cinque segretari generali. Il quinto segretario ha cambiato il partito, dopo essere stato eletto con il 67% di voti nelle primarie aperte. Nel giro di qualche mese ha conquistato un consenso superiore all'85% della base e si è insediato a Palazzo Chigi. Ma solo con il referendum costituzionale il cambiamento del partito ha avuto il suo suggello formale. Anche se il nome resterà ancora per qualche tempo.
L'operazione trasformistica che si è compiuta ha del clamoroso. La capacità di Matteo Renzi di camuffare e travisare è stata notevole, ma quella che si può davvero definire clamorosa è stata la mutazione genetica avvenuta nel corpo del partito. Non lo sto a argomentare: parlano in modo univoco e incontrovertibile i documenti su cui lavoreranno gli storici. Toccherà a loro ricostruire…

L'Europa offende, l'Italia rimuove

Ora che si è placata l'ondata di indignazione per le offese cocenti dell'ineffabile Jeroen Dijsselbloem si può tornare sull'argomento con altro spirito e cercare di trarne qualche insegnamento. Che potrebbe essere prezioso, per orecchie appena un po' attente e per animi sgombri da pregiudizi e faziosità.

Chi è Jeroen Dijsselbloem Mettiamo subito da parte il personaggio che ci fornisce lo spunto. Il distinto politico olandese si trova ora a presiedere l'Eurogruppo come classica “persona giusta al posto giusto”: un laburista (senza offesa per i laburisti) messo a guardia dell'ortodossia liberista avendo dato prova di assoluta affidabilità (in quel senso) quando ha affiancato il premier liberaldemocratico Rutte come Ministro dell'Economia in un governo di coalizione. Nel suo Paese la coppia era considerata praticamente indistinguibile, due giovani cinquantenni con una formazione universitaria parallela, le stesse convinzioni in materia di economia: solo, più dec…

Le mani del governo sull'Istat?

Che l'economia italiana sta andando male, in questi giorni è stato detto e ripetuto, non solo sulla stampa ma in alti consessi internazionali, dal lago di Como alla Cina. Si sapeva dal 12 agosto, ma si aspettava una conferma, per l'uso invalso all'ISTAT di rilasciare i dati della contabilità prima in via provvisoria e poi in via (semi-)definitiva. Raramente i due dati divergono sensibilmente ma il premier in crisi di consenso era stato confortato da voci insistenti (provenienti dal Ministero dell'Economia) di una revisione al rialzo del dato provvisorio: l'andamento dei servizi avrebbe aggiunto un preziosissimo decimo di punto facendo apparire il magico segno + nel dato definitivo. La revisione (al rialzo) c'è stata ma non è bastata a far apparire il segno +. Costernazione. E insinuazioni: ISTAT covo di gufi?
Torna lo spettro della stagnazione Da un punto di vista tecnico non mi sembra ci sia molto da aggiungere a quello che hanno detto i tanti inorriditi per …