Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

L'ottimismo di governo e l'occupazione in altalena

Il giorno della pubblicazione dei dati ISTAT sull'occupazione è (quasi) sempre un giorno di buone notizie. Con una differenza. Qualche volta vanno in prima pagina (e nei titoli di testa dei TG), altre volte in pagina interna. Stavolta la buona notizia, che la disoccupazione è calata, va in pagina interna: perché non è affatto sicuro che si tratti di una buona notizia. I dati diffusi sono fondamentalmente due (oltre alla loro somma): occupati e disoccupati (persone in cerca attiva di lavoro), che sommati danno gli attivi. Per differenza, il resto della popolazione è inattiva.
Se cala la disoccupazione e aumenta l'occupazione si può pensare che un po' di disoccupati abbia trovato lavoro e non siano arrivati altri, fin lì inattivi, a cercare lavoro. Perché non si è sparsa la notizia o non ci si fida ancora. Ma se invece cala la disoccupazione e cala anche l'occupazione, è probabile che un po' di disoccupati abbia smesso di cercare lavoro e abbia ingrossato la folla de…

COME (NON) SI FA UNA MANOVRA DI BILANCIO

Motivi per giudicare criticamente la legge di stabilità annunciata dal governo Renzi ce ne sono in quantità. Ma prima di perdersi nei dettagli, uno dovrebbe chiedersi quali scelte di fondo abbiano guidato la manovra. Che sembra, e in parte è, una macedonia assortita di misure dal forte sapore elettoralistico: ma non per questo manca di un indirizzo politico. Secondo il premier, e alcuni suoi fedelissimi della squadra PD, sarebbe di sinistra. Ma Alfano è stato lesto a mettere il suo sigillo sulla manovra: “siamo la destra che governa”. Avallato da Berlusconi (mi copiano tutto) ma smentito da Brunetta (manovra in deficit, tutta da bocciare). Come stanno davvero le cose? Cerchiamo di capirlo.
E' una manovra in deficit. In un momento di crisi reagire con un passivo di bilancio per dare ossigeno all'economia è una ricetta di sinistra. Che va contro le ferree leggi dell'austerità volute dalla destra neo-liberista che governa in Europa. Ha dunque ragione Renzi? Neanche per idea.…

Agli amici e amiche che leggono

La veste grafica è cambiata, per rendere il testo più leggibile, e ho dato anche un'altra impostazione ai post, per renderli (così spero) più "veloci".
Non perdo però il vizio di "sfidarvi" (ma innanzi tutto di sfidarmi) con ragionamenti più articolati e più meditati. Serviranno a questo le pagine, che avranno questo scopo.
Buona lettura. I commenti sono sempre graditi, le critiche ... prese nella dovuta considerazione